Stagione di Prosa 2009.2010

Il piacere dell'onestà

Mestre Teatro Toniolo
Da Mercoledì 11 a Sabato 14 Novembre 2009. Ore 21:00. Compresi Domenica 15 Novembre 2009.
 
Leo Gullotta
Leo Gullotta
di
Luigi Pirandello

Leo Gullotta

con
Martino Duane, Paolo Lorimer, Mirella Mazzeranghi, Marta Richeldi

e con Antonio Fermi, Federico Mancini, Vincenzo Versari


scene e costumi Luigi Perego

musiche Germano Mazzocchetti

luci Valerio Tiberi


regia Fabio Grossi


produzione Teatro Eliseo

ABBONAMENTI / BIGLIETTI


PROGRAMMA


Turni A-B-C-D-E

Per informazioni

Servizio Teatri e Spettacolo

Ufficio Promozione e Comunicazione

tel. 0413969220/230, fax. 0413969229

cultura.spettacolo.me@comune.venezia.it

 

Leo Gullotta porta in scena il Piacere dell'Onestà di Luigi Pirandello.

Un altro testo pirandelliano scelto da Gullotta, che già con L'uomo, la bestia e la virtù aveva ottenuto uno straordinario successo di critica e di pubblico, 95000 presenze in tutta Italia nei tre anni di tournée, e  la candidatura come miglior attore protagonista ai Premi Olimpici del Teatro 2008.

La commedia affronta uno dei temi cari a Pirandello: l'onestà, una scelta ponderata e voluta da Leo Gullotta che porta in scena Il piacere dell'onestà con lo stesso gruppo artistico del precedente spettacolo: il regista Fabio Grossi, lo scenografo e costumista Luigi Perego, Germano Mazzocchetti per le musiche, Valerio Tiberi per le luci.

Accanto a Gullotta, nel ruolo di Angelo Baldovino, Martino Duane (Fabio Colli), Paolo Lorimer (Maurizio Setti), Mirella Mazzeranghi (Maddalena), Marta Richeldi (Agata Renni) e con Antonio Fermi (cameriere), Federico Mancini (Marchetto Fongi) e Vincenzo Versari (Il parroco di Santa Maria); la produzione dello spettacolo è del Teatro Eliseo.


 


In questa recente intervista curata da Cinemotore, Leo Gullotta lancia a suo modo un'esortazione a vivere il teatro (ma anche il cinema, o altre forme d'arte "collettiva") come un'occasione irripetibile di socializzazione; parafrasando Gaber, "il Giudizio Universale non passa per le case...", e chissà, forse un po' di più per la platea di un teatro; chiudendo con un richiamo alla propria esperienza di questi mesi, per l'appunto l'approccio  "serio" a uno dei capolavori di Pirandello. Uno spettacolo che parte al Toniolo ed è destinato a fare il giro nei più prestigiosi teatri italiani, rivelando il talento e la preparazione tecnica di un vero interprete di razza, oltre i vincoli di un pluriennale cliché televisivo.












Note di regia
... Io sogno una casina di cristallo / proprio nel mezzo della città,/ nel  folto dell'abitato. / Una casina semplice, modesta / piccolina piccolina: / tre stanzette e la cucina. / Una casina / come qualunque mortale / può possedere, / che di straordinario non abbia niente, / ma che sia tutta trasparente: / di cristallo. / ... Non nasconderò più niente / alla gente. ...

... scriveva questa sua poesia, nel 1913, Aldo Palazzeschi pubblicata su Lacerba; e che cos'è l'onestà se non una casina di cristallo da dove non si può nascondere più nulla alla gente.

Proprio da questo pensiero faccio partire la mia considerazione all'opera di Luigi Pirandello, che con Leo Gullotta e il Teatro Eliseo, m'accingo a mettere in scena per la stagione teatrale 2008/2009 e per la quale ho pensato un allestimento che rispetti completamente il pensiero e la scrittura del grande drammaturgo.

Portata per la prima volta in scena il 27 novembre 1917 da Ruggero Ruggeri con la sua compagnia nel teatro Carignano di Torino, il Piacere dell'Onestà, il cui disegno drammaturgico è tratto dalla novella Tirocinio del 1905, racconta di Angelo Baldovino, uomo fallito e di dubbia moralità, che accetta solo per il piacere dell'onestà di sposare Agata, ragazza di buona famiglia che aspetta un bambino da un uomo maritato, il rispettabile marchese Fabio Colli.


Onestà, parola di grande effetto per il periodo in cui Pirandello concepì la sua opera, parola di lacerante contesto in questa nostra travagliata epoca, dove prodotti e momenti di vita vissuta vengono modificati in maniera cangiante e definente,  sull'orlo di un dramma che si pone di fronte all'eterno aut aut  di una società alla ricerca di un'equa liceità. Per questo l'elaborazione da me curata, elimina tutti quei termini che oggi giorno risulterebbero obsoleti e poco rapportabili ad una situazione di verità. Proprio questa verità, sarà il veicolo per comunicare quello che il pensiero pirandelliano ha voluto trasmettere nell'epoca del suo essere concepito.

Nella visione pirandelliana, il nostro protagonista nell'indossare il costume dell'Onesto, adotta il colore del diverso, in una fauna di anime mostruose,  e la condotta morale del Baldovino diventa da questo momento inattaccabile e questi si chiude dentro la propria onestà sfidando convenzioni sociali ed egoismi personali.

Il suo arrivo in questa famiglia, composta da bei involucri senza contenuto, sarà stridente fin dalla prima scena. Una casa, questa, dove l'apparire conta molto più dell'essere, non a caso le sue pareti vivono della trasparenza atta a mostrarsi come si pensa che gli altri desiderano.

Una società, immutata nei tempi, da quelli passati a quelli odierni, che ha paura della diversità, perché essere onesti significa essere diversi, e che fa del tutto per annichilire l'elemento considerato spurio con tutti i mezzi, anche quelli più perversi.

Messo alle strette nella manovra estrema di farlo contravvenire alle proprie responsabilità, Angelo Baldovino  continua a mantenere intatta la propria ‘maschera' di uomo onesto, finendo così per mettere spietatamente a nudo la disonestà di tutti gli altri.

Una pseudo legittima unione, quella che Pirandello usa per dimostrare come l'essere e l'apparire siano in realtà categorie senza alcun valore, frutto unicamente delle convenzioni e del conformismo della società.

Come nel precedente lavoro del maestro agrigentino,  affrontato con Gullotta, "l'Uomo, la Bestia e la Virtù", l'uso ideale della maschera per far fronte alle perbenistiche convenzioni di una società, si ripropone con forza.



Gullotta, Mazzeranghi, Duane, Richeldi, Lorimer
Una scena

Come approdato, il nostro protagonista se ne andrà, per l'unica strada legittima, una strada non usa agli altri, solo che in questo suo ricalcar i passi dell'arrivo, non sarà solo, ma colei a cui si unì per salvarla dall'ottusa convenzione, gli sarà accanto, facendo sì che una lacrima di vittoria lo premiasse nell'issar la vela dell'Onestà.

Ho modificato il percorso drammaturgico, strutturato alla nascita in tre atti, in due ed un intermezzo. Proprio quest'ultimo assume nella mia lettura, una grande valenza drammaturgica, vestendosi dell'impronta del destino atto a modificare, come per voleri supremi, quello che meschinamente o meno l'uomo disegna.

Tutta la vicenda, letta oggi con occhi rapportati alla realtà in cui mi muovo, fa sì d'indurmi a rappresentarla come una gran bella favola, dove il "cattivo" prende su di sé l'immagine del buono e le anime dei così detti  "per bene"  assumono l'espressione della bestialità.

Anche quelli che sono i personaggi della vicenda, il cosiddetto cast artistico d'un allestimento teatrale, ho voluto emendare, volendo per motivi concettuali ambientare tutta la vicenda in un unico "spazio".

Trasportando il tutto in un ideale ambiente di Natura incontaminata, immagino un passeggiar di fiere che mutano il loro animo all'approssimarsi del luogo deputato all'azione della storia drammaturgicamente raccontata.  Partendo dalla personale convinzione della bontà della Natura, ma soprattutto dell' Onestà di ogni sua manifestazione, immagino che da Essa fuoriesca l'Anima del Nostro protagonista, pronto a scontrarsi con il più sfacciato perbenismo, che nulla ha da spartire con l'essenza dell'Onestà. Risulterà quindi un diverso agli occhi di coloro che spudoratamente lo considerano tale , proprio perché non a loro simile. L'espediente usato per sottolineare tutto ciò, oltre che la parola e l'atteggiamento,  sarà il luogo, che pur aderente ad una conosciuta quotidianità,  ripercorrerà le storie di Torri di Cristallo, posseditrici di favolose o meschine  e  celate vicende.

Opportuna o meno, questa elaborazione sarà la lettura che con rispetto proporrò nell'edizione teatrale di cui nelle prime righe di questa relazione.

Fabio Grossi


Leo Gullotta


Nato a Catania ha debuttato giovanissimo al  Teatro Stabile. Dove dal 1963 al 1973 ha ricoperto ruoli e generi molto diversi fra loro fino a quelli di protagonista e co-protagonista. Dieci anni passati con grandi maestri come Turi Ferro e Salvo Randone sono la base della sua solida carriera recitativa. Conclusa la proficua esperienza con lo Stabile si trasferisce a Roma, dove, da subito, imponendo il suo irresistibile talento comico, si afferma soprattutto nel cabaret. Contemporaneamente lavora anche nel cinema, soprattutto quello commerciale molto popolare in quegli anni. L'incontro con Nanny Loy, segna profondamente la sua carriera cinematografica. Loy lo dirige affidandogli ruoli primari sempre più drammatici: da Cafè Express nel 1979, a Mi manda Picone nel 1983 fino a  Scugnizzi nel 1989, per citarne alcuni. Negli stessi anni giovani registi si lasciano conquistare della sua grande versatilità di interprete. Tra tutti, Giuseppe Tornatore. Nel 1986 è nel suo film d'esordio Il camorrista, nel ruolo di un determinato commissario di polizia, per la cui interpretazione riceve il suo primo David di Donatello e nel 1988 commuove il pubblico di tutto il mondo grazie ad un'altra straordinaria interpretazione nel film premio Oscar Nuovo Cinema Paradiso. La sua poliedricità lo porta ad alternare il grande cinema d'autore con il grande varietà degli spettacoli televisivi del Bagaglino. In questo festoso contesto crea la popolarissima figura della Signora Leonida che, assieme alle numerose e riuscite parodie di personaggi politici e dello spettacolo, lo rendono uno degli attori più amati dal pubblico. Se nel varietà televisivo continua a esibire tutto il tuo talento comico, al cinema continuano a susseguirsi i ruoli in storie impegnate come nel film La scorta di Ricky Tognazzi, Il Carniere e Un uomo perbene di Maurizio Zaccaro, e nel più recente Vajont di Renzo Martinelli. Ma anche ruoli di grande poesia, come nel film Palla di neve di Maurizio Nichetti, o affrontanti con sensibile delicatezza, come nella commedia amara di Cristian De Sica Uomini, uomini, uomini, o nel drammatico Territori d'ombra di Paolo Modugno sul tema oscuro della pedofilia. Altrettanto intensi sono i numerosi personaggi da lui interpretati per i film televisivi, tra gli altri  A che punto è la notte di Nanni Loy,  Una madre inutile di  J. Maria Sanchez, Dio ci ha creato gratis di Elvio Porta, Cristallo di Rocca di Maurizio Zaccaro, Onora il padre di Tescari,  le sei puntate di Cuore dirette da Zaccaro, o i più recenti Il cuore nel pozzo di Alberto Negrin sulla tragedia delle foibe, e Il bell'Antonio ancora di Zaccaro da Brancati. Durante tutta la sua lunga carriera di attore televisivo e cinematografico, costellata da prestigiosi premi e riconoscimenti non ha mai abbandonato il suo primo amore: il teatro. Dal debutto nel 1963 con Questa sera si recita a soggetto di Pirandello con Turi Ferro, e dai tanti spettacoli con lo Stabile di Catania,  ha poi preso parte a spettacoli diretti da Enriquez: I Viceré di De Roberto, da Landi:  Il giorno della civetta di Sciascia, e poi Fenoglio, Cobelli, fino agli spettacoli più recenti tra cui Lapilli con la regia di Fabio Grossi. Dopo 15 anni assenza torna al teatro con L'uomo la bestia e la virtù  di Pirandello, un grande successo in tutte le 70 città italiane visitate con un totale di 226 recite, diventando uno degli spettacoli di prosa più visti degli ultimi anni (oltre 95.000 spettatori).  Nel 2008 partecipa al film Baario del regista premio Oscar Giuseppe Tornatore, e per la stagione 2008-2009 è impegnato in teatro con il testo di Luigi Pirandello: Il piacere dell'onestà.


Fabio Grossi

Gullotta, Duane
Una scena
Attore, debutta in teatro nel 1977, cominciando così a lavorare nel mondo dello spettacolo toccando in seguito
tutte le varie discipline, dal teatro al cinema, dalla televisione alla radio, passando per il doppiaggio e la pubblicità. Ha collaborato con alcuni dei più importanti registi teatrali italiani: da Ronconi a Puecher, da Fenoglio a Nanni, Navello e via dicendo. Curiosa e particolare è stata una sua interpretazione di Polonio ne "Amleto"  di W.Shakespeare per la regia di A.Di Stasio, che lo ha diretto anche nel ruolo di Tiresia in uno studio su "Edipo re" di Sofocle nel 1997. Nella stagione 2003/2004, partecipa allo spettacolo, che vede Daniele Costantini autore e regista, dal titolo "Chiacchiere e Sangue" - i fatti della banda della Magliana -  nel ruolo de "er Palletta". Dal lavoro teatrale ne è stato tratto anche un film, per il grande schermo, dal titolo "I fatti della Banda della Magliana". Nella stagione 2007 del GLOBE di Roma, sotto la regia di Riccardo Cavallo, interpreta il ruolo di Puck nel "Sogno di una notte di mezza estate" di  W. Shakespeare.

Prolifica è stata la partecipazione in lavori televisivi, che lo vedevano co-protagonista in svariati varietà - contenitore fino ad  arrivare, a metà degli anni '90, ad interpretare personaggi tra i più svariati, in film TV e serial televisivi di gran successo, come ad esempio: "Le ragazze di Piazza di Spagna" - "Il tesoro di Damasco" - "Gioco di specchi" - "Commesse 2" e la "Tassista"  per la regia di José M. Sanchez; "Dio ci ha creato gratis" con Leo Gullotta o "La dottoressa Giò" per la regia di F. De Luigi in tutte e due le serie. Nella stagione televisiva 2002/03  partecipa al 83° episodio della "Squadra" di RAI3 e come personaggio fisso nel ruolo di Tancredi della fiction in 26 puntate di RAI2 "Cinecittà" per la regia di Alberto Manni. Nel 2004, per la regia di Carlo Vanzina, partecipa alla serie televisiva "Un ciclone in famiglia". Nel 2005 partecipa alla produzione della spagnola Antenna tre al film TV "Los Borgias" (i Borgia) per la regia di Antonio Hernandez , rivestendo il ruolo del Cardinal Riario. Nel 2008 viene programmato sulle reti Mediaset il film TV "'O Professore" per la regia di Maurizio Zaccaro, nel quale ricopre il ruolo del prof.  Picone; e, sempre nello stesso anno, interpreta il ruolo del Procuratore Bruno nel film TV per RAIFICTION "lo Smemorato di Collegno" sempre per la regia di M. Zaccaro. Nel cinema varie sono state le sue esperienze, ultima "Vajont" di R. Martinelli; nel 1988 ha lavorato con Nanni Loi nel film "Scugnizzi", cominciando così una variegata esperienza con questo regista, partecipando anche al suo "Candid Camera Show". Partecipa all'ultimo film di Paolo Sorrentino, "l'amico di famiglia". Negli ultimi anni, pur continuando la professione d'attore, i suoi interessi si sono rivolti alla drammaturgia e alla regia teatrale. La sua prima produzione letteraria è stata una sacra rappresentazione della passione,dal titolo "Ecce Homo", costruita su laude umbre del 1200/1300 ed impreziosita da una splendida partitura musicale del Maestro Davide Remigio. Nel 2000 a Roma, presso il teatro Piccolo Eliseo, è stata presentata una costruzione drammaturgica sulla tragedia sofoclea di Edipo e Giocasta dal titolo "Figlio di madre vedova", della quale ha curato la regia teatrale, oltre che la scrittura drammaturgica. Nel Giugno 2003 ha messo in scena lo spettacolo, del quale ha curato la stesura del testo, dal titolo "Lapilli" - suoni e voci dall'Isola, di cui è protagonista Leo Gullotta assieme all'ensemble musicale degli  Al Qantarah. Sempre nel 2003, collabora in qualità di regista assistente alla messa in scena italiana del musical "FAME" prodotta dalla società "Artistica" di Pavia. Nell'estate del 2004 cura l'allestimento dello spettacolo teatrale di Giuseppe Manfridi "Prima della guerra", di cui è l'ideatore dell'omonimo progetto di multimedialità, che ha visto il suo debutto nel sito archeologico del Polo Museale dei Mercati di Traiano. Il suo ultimo lavoro teatrale è "Gender gangup here", una nuova drammaturgia che prende spunto dal dramma "Spettri" di H. Ibsen, che trasporta negli anni ottanta le medesime ipocrisie d'inizio secolo, lette con occhio attento alla società moderna: di questo testo è stato eseguito un reading in seno della stagione teatrale 07/08 di Artisti Riuniti sotto l'egida del Teatro Eliseo. Nell'autunno 2004 cura la serata spettacolo sull'opera letteraria di C.E. Gadda, protagonisti in scena Leo Gullotta  e il Maestro Luis Bacalov. Per la stagione teatrale 2005/2006 cura la regia de "L'Uomo, la Bestia e la Virtù"  di Luigi Pirandello che vede il ritorno al palcoscenico di prosa di Leo Gullotta, spettacolo prodotto dal Teatro Eliseo. Lo spettacolo arriva alla 222^ replica dopo tre stagioni di rappresentazioni, collezionando successi ed è stato un campione d'affluenza con i suoi 98.000 spettatori circa. Nella stagione 2008 del Globe di Villa Borghese, sotto la direzione artistica di Gigi Proietti, firma la regia de "La Commedia degli Errori" di W. Shakespeare.In programmazione per la stagione 2008/2009 , spettacolo di apertura di stagione al teatro Eliseo, la regia de "Il Piacere dell'Onesta" di Luigi Pirandello con protagonista Leo Gullotta.


| | Altro
Area d'interesse: Stagione di Prosa 2009.2010

Eventi realizzati in: Teatro Toniolo