Teatro Fondamenta Nuove - Stagione 2013/14

Luca Piovesan

Venezia Teatro Fondamenta Nuove
Venerdì 18 Luglio 2014 - 21:00
 
 
.
La fisarmonica oggi 
 
Luca Piovesan (fisarmonica) 
 
 
Il fisarmonicista Luca Piovesan, artista in residenza al Teatro Fondamenta Nuove per il 2014, è interprete raffinato e da anni promotore di nuovi repertori per il proprio strumento. Una costante ricerca lo spinge a collaborare con molti compositori alla ricerca di nuove idee e sonorità.
In questo recital al Teatro Fondamenta Nuove di Venezia, venerdì 18 luglio alle 21, presenta alcuni brani frutto di queste collaborazioni (tratti dal progetto discografico Sul Tasto, recentemente pubblicato digitalmente dall'etichetta austriaca Col Legno), affiancati ad alcuni capisaldi della crescente letteratura originale per lo strumento, scelti tra i più interessanti e rappresentativi.
Ogni brano è introdotto da alcune spiegazioni dello stesso musicista, alla ricerca di un rapporto diretto con il pubblico e nel tentativo di guidarlo con più facilità all'ascolto di questi nuovi pezzi che riveleranno le molte anime della fisarmonica e le sue possibilità.
Inoltre verrà presentato in prima esecuzione assoluta Study #2 del compositore americano Yotam Haber, pezzo dal virtuosismo trascendentale per una fisarmonica live e tre precedentemente registrate. 
 
 
 
Programma (Durata: 60’)
 
  • Vladislav Zolotariov - Sonata III, IV movimento (1972)
  • Filippo Perocco - Sul Tasto, intavolatura per fisarmonica (2010)
  • Gabriel Mălăncioiu - Pāramitā (2011)
  • Nildo Sanvido – Piedistallo I (2011)
  • Yotam Haber – Study #2 per una fisarmonica live e tre pre-registrate (2013 - prima esecuzione assoluta)
  • John Zorn - Road Runner (1994)

 

Vladislav Zolotariov - Sonata III, IV movimento
È il primo pezzo importante della letteratura fisarmonicistica, presentato nel 1972 all’Unione Sovietica di Compositori, e che ha permesso l’accoglienza di questo strumento all’interno del mondo “colto”. Una giovane Sofia Gubaidulina, ascoltandolo in quell’occasione, è stata ispirata alla composizione per fisarmonica, confluita qualche anno dopo nel suo celeberrimo “de profundis”.
La scrittura è accordale e investigatrice in campo armonico e coloristico, ma ancora lontana dalla ricerca su timbro, produzione del suono, tecniche estese.
Soggetto del brano, quasi un “a programma” d’altri tempi, è l’eterna lotta tra il bene e il male. La conclusione è affidata a una trascrizione dalla Verklärte Nacht di Schönberg.
 
Filippo Perocco - Sul Tasto
Sul tasto (intavolatura per fisarmonica) è un adattamento di un brano scritto originariamente per un organo meccanico storico. Il titolo fa riferimento alla precisa sensibilità e controllo richiesti all’interprete, data la precarietà con la quale si produce questo tipo di suono. L'attitudine che il brano richiede si manifesta 'sul tasto' controllandone la velocità di abbassamento e di rilascio. Ho voluto usare la fisarmonica senza i filtri delle tecniche estese, immaginando allo stesso tempo una stereofonia poli-dimensionale; dita come cantor, ance come bocche.
 
Gabriel Mãlãncioiu - Pāramitā
Pāramitā è una parola buddista che significa “ciò che va oltre”, mirando al mondo del trascendentale. Questa interpretazione è ripresa nella traduzione tibetana pha rol tu phyin pa che significa “andato al di là”. L’idea principale del lavoro è raggiungere uno stato di equilibrio dinamico tra il carattere implacabile del primo movimento e quello statico del secondo. Questa dicotomia è enfatizzata da altri poli opposti, come intervallo cromatico-diatonico, tempo lineare-circolare, veloce-lento, diversità-uniformità.
 
Nildo Sanvido - Piedistallo I
"È una questione di prospettiva: guardare le montagne da lontano o toccare la roccia con le mani. Capita che nella nostra memoria acustica alcuni strumenti vivano in un loro ambiente o siano associati ad esso. Ascoltati da vicino, ascoltati di-nuovo, invece, rivelano un mondo di possibilità, di limiti aperti, di storie aperte. Non c’è nulla di più commovente di quando la storia ci concede una nuova visione, anche piccola. Luca mi ha permesso di ascoltare il suo strumento da vicino, di ascoltarne il respiro, la mobilità del suono in uno spazio apparentemente ristretto, una duttilità inaspettata ma che viene da lontano".
 
Yotam Haber - Study #2 per una fisarmonica live e tre pre-registrate
Questo studio può essere eseguito da quattro fisarmonicisti oppure da un solo esecutore assieme al playback degli altri tre. Nei miei lavori solitamente esploro una o due idee in profondità e cerco di sviscerarne ogni possibilità, come spremere un’arancia fino a che non scendono più gocce. Qui mi sono concentrato sulla velocità propulsiva di cascate di scale e arpeggi, rimanendo invece in estrema stasi dal punto di vista dell’armonia. Ho cercato di creare qualcosa di simile a un breve momento di estasi attraverso questo ostinato e ossessivo vortice di suono.
 
John Zorn - Road Runner
Il protagonista del pezzo è Road Runner (Beep Beep), dal cartone Wile Coyote.
Immaginate di ascoltare il cartone animato da una tv col tubo catodico rotto, vi arriva solo il suono... e in più c’è qualcuno che, dispettoso, vi cambia il canale ogni 5 secondi, facendo “zapping”... Una forte critica al mondo della tv e della sua comunicazione.
__________
 
Luca Piovesan è nato nel 1982 e abita a Venezia. Si è diplomato in fisarmonica al conservatorio Verdi di Milano con il massimo dei voti ed è laureato in Lettere presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Inoltre è fonico diplomato e ha fondato il proprio studio di registrazione “Blowoutstudio”.
Ha studiato fisarmonica con Elio Boschello e con Claudio Jacomucci perfezionandosi anche con Mika Vayrynen e Matti Rantanen (Finlandia), Jurji Shishkin (Russia), Iñaki Alberdi (Paesi Baschi), Jean-Luc Manca (Francia), Krassimir Sterev (Austria).
Si è esibito negli Stati Uniti (Harvard University, Boston University, Minneapolis University, Mata Festival a New York); Giappone (Tokyo Opera City Hall, Yokohama Hall); Austria (Festival Impuls); Slovenia; Canada; Svizzera (Settimane Musicali di Lugano); Olanda (Deventer International Accordion Festival); Germania (BKA Theatre) e in tutta Italia.
Ha collaborato con: Ensemble L'arsenale (Treviso); Metropolis Ensemble (New York); Acme Ensemble (New York);Ecce Ensemble (Boston); Neue Vocalsolisten (Stoccarda).
È membro del duo Promenade Sauvage (assieme al chitarrista belga Maarten Stragier) e del quartetto d'archi e d'ance GALT.
Ha ricevuto il 42° Premio Internazionale Grolla d'oro come riconoscimento per la propria attività artistica e nel 2008 ha vinto il concorso internazionale Tim.
È impegnato nella diffusione e creazione di nuovo repertorio per fisarmonica collaborando con numerosi compositori, partecipando a prime esecuzioni di loro opere, spesso a lui dedicate. Ha finora presentato circa 70 nuovi lavori per fisarmonica sola o in ensemble.
Ha recentemente avviato il progetto [accordion4composers], un libro digitale con files audio allegati che illustra dettagliatamente ai compositori come approcciarsi alla scrittura per questo strumento.
Ha inciso numerosi cd tra cui, da solista, Musica Ricercata e Sul Tasto (appena pubblicato digitalmente da Col Legno).
Ha tenuto lectures presso il Conservatorio Pollini di Padova, la Boston University, il festival Composit a Rieti.
Il suo lavoro è stato recensito su: New York Times, Seen and heard international, Suonare News, Blow Up, accordions.com.
È stato membro della giuria al 38° Concorso Internazionale di Fisarmonica di Castelfidardo dove è stato invitato anche come relatore all'incontro internazionale “Scenarios and strategies for the future of the accordion” come rappresentante della nuova generazione italiana di fisarmonicisti.
È direttore artistico della sezione fisarmonica al concorso DocMusicContest di Rieti.
 
Una parabola interpretativa di eccellente controllo tecnico e duttilità espressiva del giovane fisarmonicista  [Veneziamusica e dintorni]
Convincente prova discografica di Luca Piovesan. In questo compito, assolutamente arduo, la fisarmonica incontra alcune geniali idee di sfruttamento delle proprie capacità di strumento [Suonare News]  
 Luca Piovesan, fisarmonicista di sorprendenti doti, porta la soglia espressiva della fisarmonica quasi oltre l'immaginabile. La sua musicalità totale trova piena espressione in Sul Tasto. Grazie all'arte musicale coraggiosa e consapevole di Luca Piovesan, interprete sensibile e libero [Il Gazzettino]  
Luca Piovesan plays exceedingly well. This recording is one of those which should be made available in music libraries around the world for composers and accordionists to hear and study, performed by an excellent accordionist. Buy one for you and one for the local conservatory [accordions.com] 
Un interprete del quale risentiremo presto parlare  [Blow Up]

Luca Piovesan, fisarmonica, incantevole respiro  [Suonare News] 

 

Ascolti
Luca Piovesan – Sul tasto (Col Legno, 2014)
 
Web


BIGLIETTI

Intero €10
Ridotto €8 (abbonati Fenice, under 26, over 65, soci Vortice)
 

| | Altro