Piccoli Palcoscenici 2015 / Idee e Percorsi

Due chiacchiere al parco

Mestre Teatro Momo
Martedì 9 Giugno 2015 - 21:00
 

Sezione Giovani

 

Associazione Music Dream – Scuola d’Arte – Vedelago TV

 

 

Autore: Alan Ayckbourn

Adattamento: Davide Dolores

Regia: Davide Dolores, Giulio Canestrelli

Responsabile del laboratorio: Cecilia Quintavalle

Responsabile tecnico: Davide Dolores

Durata: 30’

 

Partecipanti ed interpreti:

Sigrid Bachmann, Chiara Baggio, Francesca Basso, Eleonora Pettenuzzo

 

 

In una domenica di sole, in un parco di una grande città, per un momento brevissimo quattro donne che non si conoscono entrano in contatto (o forse sarebbe giusto dire in collisione?) tra loro. Quattro donne, ciascuna con il suo mondo, con i suoi pensieri, le sue manie e le sue compulsioni: in comune solo la necessità di trovare uno sfogo dalla opprimente quotidianità. Cercano conforto (scambiare due chiacchiere!) nella persona che hanno a fianco, ma allo stesso tempo non sono disposte a confortare a loro volta. Ne nasce così un dialogo tra sorde, dove sembra che alla fine nessuna di loro trovi il sollievo che cerca. A parte forse una, che dopo tanto tacere riesce a sfogare tutte le sue tensioni...

 

 

Note di regia

Il percorso teatrale è incentrato sull’interpretazione d'attore. Abbiamo puntato cioè sullo studio del personaggio e delle sue relazioni in scena. Per fare questo abbiamo scelto un testo contemporaneo che presentasse protagonisti con molte e differenti possibili sfaccettature, per lavorare con le allieve nella definizione del personaggio e successivamente scoprire come questi personaggi inusuali ma comunque realistici potessero relazionarsi tra loro. Allo stesso tempo la regia essenziale – cosa che il testo di Ayckbourn consente – non prevede grandi movimenti in scena: questo consente alle attrici di concentrarsi sul testo, sulle intenzioni e in qualche modo le costringe a lavorare sul ritmo della battuta, su una partitura vocale più che fisica. Molti altri testi potevano fungere al nostro scopo, ma “Due chiacchiere al parco” di Alan Ayckbourn (tratto da “Confusioni”) ci ha convinti, oltre che per la duttilità, anche per la freschezza e la sottile follia che descrive dei personaggi evidentemente vittime della frenesia della società odierna, pur reagendo ciascuna in maniera diversa alle pressioni del quotidiano.


| | Altro

Eventi realizzati in: Teatro Momo