Piano Gaber

Mestre Teatro della Murata
da Sabato 17 Ottobre 2015 a Domenica 18 Ottobre 2015
 

Giorgio Gaber
Giorgio Gaber

17 ottobre ore 20,30

18 ottobre ore 17,30 e 20,30

 

 

Tratto dal Teatro Canzone di Giorgio Gaber e Sandro Luporini

con Giorgia Biancardi, Giorgia Dalle Ore, Tiziano Falasco

ottimizzazione di regia a cura di Laura Cossutta

luci Stefano Fiorenzato

 

 

Biglietti

Ingresso € 8,00

 

Informazioni

Prenotazione consigliata: telefonare al n. cell. 340 2766149 o al numero di tel. 041 989879 e lasciare un messaggio in segreteria telefonica seguendo le istruzioni.

L’attività del teatro è costantemente aggiornata sul sito www.teatrodellamurata.it.

 

 

Perchè Gaber...

Con Gaber si piange, si ride, si ri-flette, ci si incazza, ci si innamora.

Gaber ci parla con forza, oggi come quarant’anni fa, grazie alla sua profonda capacità di osservare e raccontare l'uomo.

Ha trascinato noi sul palcoscenico, ci ha spinto a trovare tempo introvabile, in equilibrio sulle nostre normali vite incasinate, per indossare le sue scarpe e le sue emozioni.

Emozioni potenti che nelle sue parole si trasformano in poesia.

Dentro a “Piano Gaber” c'è un pezzetto di ciascuno di noi. In un brano, una canzone, un dialogo, un monologo, vivono anche le nostre storie personali, momenti comuni e unici della quotidianità.

Ognuno ha condiviso qualcosa di sé e insieme abbiamo costruito con pazienza lo spazio teatrale comune: scegliere i brani, aggiungerli, scartarli, sostituirli, trovare la voce e il gesto per ogni pezzo e infine collegare i frammenti - vissuti con passione - in una formula semplice, in cui l’espressione libera di idee e suggestioni è stata il filo conduttore della condivisione e dell’ascolto reciproci.

Lo abbiamo chiamato “Piano” perché è un progetto, ma anche una dimensione della realtà: il piano, elevato e unico, in cui collochiamo idealmente l’opera di Gaber alla quale ci approcciamo, ancora una volta, piano.

La performance in due tempi, intervallati da una breve pausa, invita gli spettatori a pensare con leggerezza, a sorridere ma soprattutto a riscoprire o coltivare l’appassionato “ascolto” del nostro amato Signor G.


| | Altro
Eventi realizzati in: Teatro della Murata