Divertiamoci a teatro 2015/16 - 21^ Rassegna di teatro amatoriale

Piccoli crimini coniugali

Mestre Teatro Momo
Domenica 20 Dicembre 2015 - 16:00
 

Locandina
Locandina

di Eric Emmanuel Schmitt

traduzione e adattamento di Sergio Fantoni

 

con Rosanna Berardo e Roberto Conte

regia di Roberto Conte

 

 

una produzione Teatro delle lune

 

 

Vai al Programma della Stagione

 

BIGLIETTERIA

 

 

Sull’altalena del matrimonio tra impercettibili slittamenti del cuore e tradimenti conclamati si consuma la vita dei due protagonisti. Un’intrigante, brillante gioco a due voci. Gilles e Lisa, una coppia come tante, da ormai vent’anni si trovano a vivere un apparentemente, tranquillo menage familiare. Un piccolo incidente domestico, in cui Gilles (scrittore di romanzi gialli), pur mantenendo intatte le proprie facoltà intellettuali, perde completamente la memoria, diventa la causa scatenante di un sottile partita dove Lisa sembra venire sopraffatta e costretta a confessare le sue insicurezze, le sue fragilità e le sue disillusioni.

L’amnesia apre le porte insomma, al viaggio alla ricerca dell’identità. Non la propria, non quella di colui che in un solo colpo ha perso la memoria e sembra condannato a vagare aggrappandosi ai ricordi e alle ricostruzioni altrui, ma quella della coppia, la cui evoluzione (ma sarebbe meglio dire involuzione) ha provocato quell’amnesia. Via via che procede il dialogo tra i due protagonisti, lo spettatore scenderà nelle profondità di quel rapporto coniugale che, in prima battuta, poteva apparire idilliaco. E, anche se dai loro discorsi trapela una grande intesa fisica e un grande affetto, non è tutta poesia quella a cui assistiamo, ne c’è molto di romantico nel continuo rinfacciarsi presunte colpe e reali bugie (improvvisate o premeditate?).
Perché lei descrive un altro marito? Perché non desidera stare fisicamente con lui nonostante l’uomo le mostri la sua forte attrazione? Perché lui ha scritto determinate parole sul matrimonio?
Mentre i due protagonisti cercano risposte a queste domande, lo spettatore è accompagnato per mano dalle parole che l’autore fa pronunciare loro. Il testo, infatti, prende il sopravvento sulla scena: il dialogo tra lei e lui è il vero protagonista che domina l’intero percorso narrativo. Un dialogo complicato, ironico, comico, contraddittorio, al limite dell’incomunicabilità, ma che ha come unico scopo la riscoperta del rapporto d’amore di una coppia che si era smarrita.

 

Sito ufficiale: www.teatrodellelune.it


| | Altro